Tradizione e innovazione, Borgo Orefici investe sui giovani

24 settembre 2014, In: eventi
0

borgoorefici

(da sinistra: Mario Raffa, decano di Ingegneria Economico-Gestionale alla Federico II ed ex assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli; Alessandra Clemente, assessore ai Giovani del Comune di Napoli; Roberto de Laurentiis, presidente del Consorzio Antico Borgo Orefici; Adriano Giannola, presidente della Fondazione di Comunità Centro storico)

NAPOLI, BORGO OREFICI – Impareranno a lavorare i metalli preziosi, ad utilizzare i macchinari per la lavorazione dell’oro, i principi della gemmologia e le tecniche di incastonatura, fusione e microfusione per dar vita a cooperative artigiane di giovani. Sono i venti ragazzi dai 16 ai 20 anni che beneficeranno del corso di formazione per diventare orafi e designer grazie al protocollo d’ intesa siglato tra assessorato alle Politiche giovanili del Comune, Fondazione di Comunità Centro storico di Napoli e Consorzio Antico Borgo Orefici.

Soggetti che si sono uniti per valorizzare le tradizioni artigiane, offrire opportunità di lavoro e sostenere i giovani del centro storico. L’ iniziativa, giunta alla II edizione, è stata presentata alla Bulla nel complesso di sant’ Eligio. Il Consorzio Antico Borgo Orefici, la Fondazione di Comunità e il Comune di Napoli lavoreranno, infatti, in sinergia per offrire a una ventina di giovani l’ opportunità di una formazione specialistica in uno dei settori di più grande tradizione a Napoli. Un progetto ambizioso che mira, altresì, a combattere il disagio giovanile e occupazionale e alla riqualificazione di un’ area dimenticata della città.

«La tutela dei mestieri a rischio, l’esperienza positiva del Borgo Orefici che da otto secoli rende viva l’economia del centro storico e la necessità di offrire una chanche ai tanti giovani della zona che dimostrino di voler entrare nel mondo del lavoro sono stati gli stimoli per questa iniziativa», dichiara Roberto de Laurentiis, presidente del Consorzio. Il progetto, rivolto a ragazzi selezionati insieme al Comune grazie al lavoro dell’assessore Alessandra Clemente, rappresenta una garanzia anche sul fronte della legalità e della trasparenza per consentire loro di imparare un antico mestiere come quello dell’ orafo.
«Vogliamo attuare interventi che siano realmente cuciti addosso alle esigenze dei giovani – ha detto la Clemente – da oggi è on line sul sito del Comune il bando per partecipare. Abbiamo deciso di destinarlo a quella fascia d’ età per dare a questi ragazzi la possibilità di formarsi prima di entrare nel mondo del lavoro».
Alla fine del percorso saranno selezionati gli allievi più qualificati. Vi è inoltre l’ obiettivo di un riutilizzo dei terranei di proprietà del Comune attualmente vuoti nel complesso di Sant’ Eligio attraverso la creazione di un incubatore diffuso in cui il Consorzio assuma la funzione di accompagnamento sia nella fase di costituzione di impresa, sia nella fase di start up per tutte le problematiche di natura legale, fiscale, amministrativa, produttiva e commerciale.
«La collaborazione che per il secondo anno proseguiamo con il Consorzio Borgo Orefici è di particolare interesse e rilevanza per la nostra Fondazione – ha detto Adriano Giannola, presidente della Fondazione di Comunità Centro storico – in quanto ai classici percorsi formativi si abbina un progetto di inserimento lavorativo per i giovani che termineranno il periodo di formazione. Ed è ancor più rilevante alla luce degli ultimi dati, che indicano un incremento della disoccupazione nel sud Italia e l’ aumento di quelle fasce di giovani che rinunciano già in partenza a cercarsi un lavoro.
Sappiamo, infatti, che si tratta di un piccolo intervento limitato, ma speriamo che possa servire da modello per sviluppare altre iniziative sul territorio della nostra città».

Le domande di iscrizione al corso per orafo dovranno pervenire alla Fondazione di Comunità del Centro storico (via Tribunali 253) entro il 21 ottobre 2014.

Il corso avrà una durata di 480 ore e si svolgerà presso la sede del Consorzio Borgo Orefici.

(tratto dal Mattino del 24 settembre 2014)

FacebookTwitterGoogle+
There are no comments yet. Be the first to comment.

Leave a Comment

Scarica il libro Napoli Innovazione e Sviluppo



L'IMPRESA E L'UNIVERSITA'

ALESSANDRA ESTATE

ZONE FRANCHE URBANE

AFFERMARSI SUL MERCATO

IL RUOLO DELLE PICCOLE IMPRESE

L'IMPATTO DELLA BIG BANG DISRUPTION

IMPRESE INNOVATIVE PER LO SVILUPPO

Contatti

Per informazioni, domande e contatti, è possibile scrivermi un'E-Mail all'indirizzo mario.raffa@unina.it.

Mario Raffa

Candidato alla Regione Campania con Vincenzo De Luca Presidente.